Just another WordPress.com site

Archivio per maggio, 2012

CONFERENZA. IV CENTENARIO DI SAN CARLINO ALLE QUATTRO FONTANE

SALA CONFERENZE. 1 GIUGNO. ORE 18.

 IN LINGUA ITALIANA. INGRESSO LIBERO FINO ESAURIMENTO POSTI.

CONFERENZA : Il Convento e la Chiesa di San Carlino dei trinitari Spagnoli a Roma.

 OSPITATA DALL’ACCADEMIA E  A CURA DI JUAN MARIA MONTIJANO (UNIVERSITA’ DI MALAGA).

Organizzata dai religiosi trinitari Spagnoli di San Carlo alle Quattro Fontane di Roma, col sostegno dell’Ambasciata spagnola presso la Santa Sede e presso il Quirinale.

Nel 2012 si celebra il IV Centenario della fondazione della comunità dei religiosi trinitari spagnoli del Convento di San Carlino delle Quattro Fontane, a Roma. Si tratta di una delle istituzioni più antiche tutt’oggi esistenti a Roma; la sua sede è uno dei monumenti più importanti della storia dell’architettura e dell’arte barocca, creata da Francesco Borromini. Abituale punto di riferimento per gli spagnoli a Roma, sia residenti che pellegrini, i rapporti tra i trinitari di San Carlino e la Real Academia de España sono stati sempre di tipo amichevole, come dimostra, ancora una volta, la Conferenza commemorativa che avrà luogo, precisamente, nell’Academia, unendo simbolicamente il Gianicolo e il Quirinale, due importanti testimonianze dell’impronta spagnola a Roma.

Juan María Montijano García (Vic, Barcelona, 1960) dottore in Storia dell’Arte dell’Università di Malaga, nella quale di laureò in Geografia e Storia. Ampliò la sua formazione in diverse università e istituzioni culturali e scientifiche spagnole, come  l’Instituto Andaluz del Patrimonio Histórico  o la Real Academia de España a Roma. Attualmente è Professore Ordinario di Storia dell’Arte, aggregato all’Università di Malaga e fino al 2009 fu direttore del Dipartimento di Storia dell’Arte di tale università. E’ stato Professore in Visita nell’università di Roma Tor Vergata (2005) e la Seconda Università di Napoli (2010). Nel 2006 il Presidente della Repubblica Italiana gli conferisce la Croce dell’Ordine della Stella nominandolo Cavaliere. Ha diretto diversi progetti internazionali, tra i quali la Catalogazione e Digitalizzazione delle fonti documentali di San Carlino delle Quattro Fontane o la edizione e traduzione di Le Vite di Giorgio Vasari in spagnolo. Le sue ricerche più importanti versano sulla diffusione del patrimonio culturale, teoria dell’arte, architettura del Rinascimento e del Barocco e terminologia artistica, sia italiane che spagnole, con più di 20 pubblicazioni (San Carlo alle Quattro Fontane di Francesco Borromini nella Relatione della fabrica di fra Juan de San Buenaventura, Milano, Il Polifilo, 1999; La Academia de España en Roma, Madrid, Ministerio de AA.EE., 1998; Giorgio Vasari y la formulación de un vocabulario artístico, Málaga, Universidad, Academia de Bellas Artes de San Telmo, 2002; Cortijos, haciendas y lagares. Arquitectura de las grandes explotaciones agrarias de Andalucía. Provincia de Málaga, Sevilla, Junta de Andalucía, 2000).


TAVOLA ROTONDA OMAR CALABRESE IN MEMORIAM. Con Umberto Eco, Paolo Fabbri, Isabella Pezzini, Jorge Lozano e Tarcisio Lancioni.

TAVOLA ROTONDA: OMAR CALABRESE IN MEMORIAM.

SALA CONFERENZE.

21 MAGGIO ORE 18.30. INGRESSO LIBERO FINO ESAURIMENTO POSTI.

Avremo l’onore di contare con la partecipazione di: Umberto Eco,  Paolo Fabbri, Isabella Pezzini, Jorge Lozano e Tarcisio Lancioni.

A poche settimane dalla sua scomparsa, la Real Academia de España di Roma vuole rendere omaggio all’illustre semiologo Omar Calabrese, professore per più di 20 anni al DAMS di Bologna, condividendo le aule con Umberto Eco, Paolo Fabbri e successivamente con Isabella Pezzini e Jorge Lozano. Nella sua permanenza a Siena si trovano gli origini di un gruppo di notevoli professori che saranno rappresentati nella tavola rotonda da Tarcisio Lancioni.

La maggior parte della sua attività fu caratterizzata dalla riflessione sull’immagine e le arti visive, prestando particolare attenzione all’arte spagnola, come testimoniano le importanti monografie che ci ha lasciato sulla Verónica di Zurbarán del Museo di Bilbao, o sulle Meninas di Picasso. Questo legame con l’arte spagnola è evidente anche nel suo lavoro come docente per le Università di Barcellona, della Complutense di Madrid, di Granada e di Bilbao.

Appoggiò con entusiasmo e dedizione le attività promosse dalla Academia de España quali il Festival Internazionale del Barocco, conferenze ecc.

Omar Calabrese (Florencia, 1949 – Monteriggioni, 2012)
Semiologo ed docente all’università di Siena.
Laureato in Storia della lingua, la sua disciplina d’insegnamento è Teoria della comunicazione, materia di cui era uno dei massimi esperti al mondo. Aveva tenuto lezioni nelle università di Parigi, Bilbao, Barcellona, Madrid, Aarhus, Yale, Harvard, Berlino, Bogotà, Buenos Aires, Zurigo, Salonicco, Mannheim, Lisbona, Bucarest. È stato anche, assessore alla cultura del Comune di Siena, consigliere della Presidenza del Consiglio dei ministri per l’editoria e la comunicazione, presidente dell’Associazione italiana di studi semiotici e della Fondazione mediateca regionale toscana. 

BIO DEI PARTECIPANTI:

Umberto Eco . Alessandria, 1932.
È un semiologo, filosofo e scrittore italiano di fama internazionale. Nel 1988 ha fondato il Dipartimento della Comunicazione dell’Università di San Marino. Dal 2008 è professore emerito e presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna.
Saggista prolifico, ha scritto numerosi saggi di semiotica, estetica medievale, linguistica e filosofia, oltre a romanzi di successo. Nel 2000 ha ricevuto una candidatura al premio nobel per la letteratura, a distanza di tre anni dalla vittoria di Dario Fo, per i suoi studi sulla semiotica.
Dal 12 novembre 2010 Umberto Eco è socio dell’Accademia dei Lincei, per la classe di Scienze Morali, Storiche e Filosofiche.

Paolo Fabbri
Docente di Semiotica presso la Facoltà di Scienze Politiche, LUISS  di Roma. Docente di Semiotica della Marca presso l’Istituto di Comunicazione dello Istituto Universitario di Lingue Moderne di Milano. Direttore del Laboratorio Internazionale di Semiotica a Venezia. Coordinatore scientifico del Centro di Semiotica e Linguistica dell’Università di Urbino. Membro del dottorato d’eccellenza Studi sulla rappresentazione visiva, Università di Siena. Membro del Scientific Advisory Board del Centre for Media and Communication Studies LUISS, Roma.
Ha insegnato a Firenze, Urbino, Palermo, Bologna, Roma Due, Venezia, a Parigi, in USA, Canada e altrove.
Ha scritto libri, articoli, edito e tradotto libri sui problemi del linguaggio e della comunicazione, in più lingue (francese, inglese, spagnolo, portoghese, tedesco, lituano).
Ha fondato il Centro di Semiotica di Urbino, ha diretto l’Istituto Italiano di Cultura a Parigi. Direttore dal 1997 al 1998 del Mystfest (Festival di Cinema del Giallo e del Mistero) di Cattolica. Consigliere Scientifico del Prix Italia (RAI -TV) dal 1999 al 2001. Presidente del Festival dei Popoli di Firenze dal 2001 al 2004. Presidente de l’Institut de la Pensée Contemporaine, Université de Paris VII “D. Diderot” (Parigi), dal 2004 al 2006. Direttore della Fondazione F. Fellini, Rimini, 2011-12.

Jorge Lozano
Cattedratico di giornalismo presso la facoltà di Scienze dell’informazione dell’Università Complutense di Madrid. Fu direttore dell’Accademia Reale di Spagna a Roma tra il 1990 e 1996. Nel 1996 li è stata concessa la Cruz de Isabel la Católica da S.M Re Juan Carlos I.
E’ stato finalista del premio nazionale di saggi nel 1987 con El Discurso Histórico.

Tarcisio Lancioni
Dottore di ricerca in Semiotica presso l’Università degli Studi di Bologna, con una tesi dal titolo “Semiotica e teoria dell’arte. Il problema della forma nelle arti visive”. Attualmente è ricercatore presso l’Università degli Studi di Siena, dove insegna Semiotica del testo.
Presidente del Comitato per la Didattica del Corso di Laurea Magistrale in Radiofonia e linguaggi del multimediale e dello spettacolo, della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena.
Direttore della rivista Carte Semiotiche.
Ha lavorato come ricercatore iconografico e documentario per la casa editrice Electa.
Dal 1990 ha collaborato come ricercatore e come consulente con C.R.A. Ricerche di mercato, occupandosi di ricerche semiotiche sulla comunicazione e sugli schemi di comportamento, e ha condotto indagini qualitative su forme e valori delle telecomunicazioni in vari paesi, che lo hanno portato ad effettuare ricerche sulle TLC in Norvegia, Finlandia, Spagna, Turchia, Brasile, Arabia Saudita, Perù e Uruguay.

Isabella Pezzini
Professoressa ordinaria di Filosofia-Teoria dei linguaggi e insegnante di Semiotica presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza Università di Roma. È stata formata a Bologna (con Umberto Eco, Paolo Fabbri) e Parigi (con Algirdas Julien Greimas), ha insegnato a Bologna, Zurigo, Ferrara, Siena, San Paolo. Nella sua ricerca sviluppa lo studio della narratività e l’analisi del discorso (forme di enunciazione e di soggettività, espressione degli affetti e delle passioni, tipologie e generi testuali e discorsivi, multimodalità, efficacia comunicativa) e di estenderne la portata agli ambiti della sociosemiotica e della semiotica della cultura.


MUSICA. XLI EDIZIONE CONCORSO FERNANDO SOR.

Concorso Internazionale di Chitarra  Dal 15 al 18 maggio

SALA CONFERENZE. Ingresso Libero fino esaurimento posti


Fondato nel 1972 dal M° Giuliano Balestra , tuttora presidente, il CONCORSO INTERNAZIONALE DI CHITARRA “FERNANDO SOR” è giunto questʼanno alla 41.ma Edizione. Considerato a livello internazionale tra i più prestigiosi e longevi, questo Concorso richiama ogni anno a Roma nella splendida cornice della Reale Accademia di Spagna, concorrenti provenienti da tutto il mondo .Fra i molti nomi prestigiosi che si sono alternati alla presidenza di questo Concorso nellʼarco di questi anni, figurano i Maestri: Emilio Pujol, Federico Sopeña, Joaquin Rodrigo, Federico Moreno Torroba, Alirio Diaz, Franco Ferrara e tanti altri . Il Concorso “ F. Sor “ svolge inoltre un lavoro collaterale di
ricerca e studio promuovendo Conferenze, Seminari e Concerti . Organizzato dal Centro Culturale “ Fernando Sor” in collaborazione con la Reale Accademia di Spagna e lʼAssessorato alla Cultura del Comune di Udine, questo concorso
è stata premiato lo scorso anno con una medaglia personale del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. 

PROGRAMMA

Martedì 15 maggio ore 20.30  CONFERENZA – CONCERTO  AL SETTIMO CIELO LA CHITARRA 

Concerto che evidenzia il contributo di Andrés Segovia nell’apertura della prima cattedra di Conservatorio in Italia di chitarra

Benedetto Di Ponio:
Profilo Artistico e Didattico del primo Docente di Conservatorio in Italia di Chitarra 

Conferenza a cura di Mario Torta  
Concerto a cura di Giuliano Balestra   

Venerdì  18 maggio ore 20.30   CONCERTO FINALE E PREMIAZIONE.

I primi Tre classificati  al 41 Concorso Internazionale di Chitarra Fernando Sor 

BIO DEGLI ARTISTI:

Giuliano Balestra nato a Roma nel 1939 si è diplomatoin Chitarra da Concerto al Conservatorio S. Cecilia di Roma nel 1962 con il M° Benedetto Di Ponio. Di fondamentale importanza per la sua formazione artistica sono stati i Corsi di Perfezionamento all’Accademia Chigiana di Siena dal 1960 al 1962 con i Maestri Emilio Pujol e Andrès Segovia che ha seguito successivamente in Spagna, rispettivamente a Lerida e Santiago de Compostela. Il 21 Aprile del 1959 ha tenuto il suo primo concerto a Roma presso l’Associazione Artistica Internazionale di via Margutta e nel 1962 ha registrato, in prima assoluta , per la Radiotelevisione Italiana, il repertorio Rinascimentale Spagnolo per Vihuela su uno strumento opera del Liutaio Cesar Vera di Madrid. Con un recital alla Sala Chopin Pleyel di Parigi il 19 marzo 1968, ha iniziato una brillante carriera di concertista che lo ha portato ad esibirsi, anche in veste di compositore, nelle maggiori città di tutto il mondo. All’attività concertistica ha affiancato quella didattica insegnando, quale titolare di cattedra, al Conservatorio Santa Cecilia di Roma. E’ autore di varie pubblicazioni fra cui le Biografie di Fernando Sor , Emilio Pujol e Benedetto Di Ponio, nonché delle trascrizioni in notazione moderna, del Primo Libro di Napolitane che si Cantano et Sonano in Leuto di Jacomo Gorzanis ( Venezia 1570) e di Novi Capricci Armonici per chitarra, violino e basso di Gio Battista Granata ( Bologna 1674 ). Ha inciso per la Basf, Edipan e Tima Club. Nel 1972 ha fondato il Concorso Internazionale di Chitarra Fernando Sor di cui è tuttora Presidente.

Prof. Mario Torta nato a Milano nel 1956, si è diplomato in chitarra classica con Giuliano Balestra, in seguito si è laureato allʼUniversità La Sapienza di Roma in “Storia della Musica “con Pierluigi Petrobelli. Nel 1993 ha pubblicato il Catalogo Tematico delle opere di Ferdinando Carulli . Svolge intensa attività di ricerca sulla storiografia e la letteratura della chitarra,collaborando a riviste del settore: Suonare, Guitart, Seicorde e curando la pubblicazione in edizione
moderna di alcune opere inedite del repertorio classico e romantico.


MOSTRA CAPRICCIO ROMANO DI BENEDETTA TAGLIABUE E JACINT TODO

CAPRICCIO ROMANO DI BENEDETTA TAGLIABUE E JACINT TODO.

PROMOSSA DA EMBT E  INSTITUTO RAMON LLULL E CON IL PATROCINIO DI HP HEWLETT PACKARD E GRAN MELIA VILLA AGRIPPINA LUXURY URBAN RESORT.

SALA MOSTRE ACCADEMIA REALE DI SPAGNA A ROMA. DAL 10 MAGGIO AL 10 GIUGNO.

INAUGURAZIONE 10 MAGGIO ORE 20. Conterà con la presenza di Benedetta Tagliabue, Jacint Todo e Alex Susanna.

Ingresso Libero.

Capriccio Romano, è un’esposizione che nasce dalla collaborazione artistica tra l’architetta italiana Benedetta Tagliabue, responsabile dello studio Miralles Tagliabue EMBT di Barcellona, e l’ artista catalano Jacint Todó che già in precedenza avevano lavorato diverse volte insieme. Proprio per questo l’esposizione che verrà ospitata dall’Accademia di Spagna a Roma si propone come un nuovo dialogo tra le opere di entrambi. Attraverso differenti istallazioni che occuperanno la sala delle mostre dell’Accademia l’emblematico Tempietto del Bramante si presenta come  una reinterpretazione, costruita a partire da frammenti e capricciosi giochi di prospettive, di diverse architetture e spazi romani. Tra gli spazi romani che saranno rappresentati come in un libro Pop-up a scala umana si contano diversi luoghi emblematici della città eterna: i mercati Traianei, i Fori Imperiali, La Scala Regia del Vaticano, o la prospettiva del Borromini a Palazzo Spada tra gli altri. Un’esposizione che riunisce cioè in pochi metri autentici capricci architettonici di Roma guidati dal Tempietto di Bramante , primo monumento paradigmatico del Rinascimento.

Attraverso questi collages fotografici tridimensionali di Tagliabue insieme con i dipinti di Todó si raggiunge la fusione tra il plastico e l’architettonico, che da come risultato una nuova visione dello spazio architettonico e del paesaggio contenuti nello spazio espositivo.

ELOGIO DEL CAPRICCIO

Alla difesa di questo genere musicale e pittorico tanto in voga nel secolo XVIII, il tandem formato dall’architetta Benedetta Tagliabue e dall’artista catalano Jacint Todó si è formato per offrire al pubblico dell’Accademia di Spagna un “Capriccio romano” rispettando tutte le regole:

Un capriccio che gioca con le prospettive.

Un capriccio che fonde plastica ed architettura. 

Un capriccio che sorprende lo spettatore nel suo percorso tanto labirintico come persuasivo. 

Diciamo che Tagliabue mette lo spartito, Todó le note e  tutti e due insieme danno vita ad una musica che li trascende:  si ispirano e deliziano nella città di accoglienza, si divertono in maniera tanto appassionata e allo stesso tempo irriverente – ah il Chiosco di San Pietro totalmente decostruito e contemporaneamente onnipresente -, per cedere alla fine la parola all’architetto Enric Miralles che da più in là l’appari con alcuni collages fotografici prodotti in situ !Come dicevamo, un “capriccio” leggero, rapido, virtuoso, intenso, fantasioso, libero e vivo: un gioco molto serio, quello che ci propongono Tagliabue e Todó nell’ Accademia di Spagna di Roma.

Alex Susanna- direttore aggiunto dell’ Istituto Ramón Llull.

BIO DEGLI ARTISTI.

BENEDETTA TAGLIABUE

Benedetta Tagliabue è una riconosciuta architetta italiana stabilitasi a Barcelona da ormai venti anni. Nata  a Milano, copletò i suoi studi di architettura a Venezia e a New York. Nel 1991 cominciò la sua collaborazione con Enric Miralles con il quale fondò lo studio Miralles Tagliabue EMBT nel 1994.

Con il suo progetto per il Padiglione Spagnolo nella  Expo Mundial de Shanghai 2010ricevette il prestigioso premio RIBA.

Tra i suoi lavori troviamo il Parlamento Scozzese che oggi è uno degli edifici più visitati della Scozia, il Parco di Diagonal Mar, l Mercato e Quartiere di Santa Caterina a Barcellona etc… Ora dirige lo studio EMBT, la cui opera è stata esposta al MOMA, al l Centro Pompidou e in molte altre esposizioni monografiche in tutto il mondo. Ha ricevuto la Borza Internazionale della RIBA per il suo particolare contributo all’architettura (2009) e il titolo di Dottore Honoris Causa in Arte all’ Universidad Napier (2004).

 

JACINT TODÓ

Barcelona, 1951. Si considera autoditatta e amplia le sue conoscenze di arte nella scuola Escola Massana, Escola Eina e nel  Centre D’activitats Artístiques Xavier Corberó. Può vantare un’ampia traiettoria di esposizioni individuali e collettive a Barcelona, Madrid, Palma, Lleida ,Girona. Ha realizzato murales per l’Institut Químic di Sarrià e per la Escola Ginebró. Collabora come illustratore per la stampa scritta per El Observador, La Vanguardia, e diverse case editrici. Come disegnatore di parti in  ceramica si distinguono la Font del bacallà del Mercat de Santa Caterina (Barcellona), portata a termine con lo Studio Miralles Tagliabue, e il progetto La casa de l’artista assieme a Enric Miralles. La sua ultima esposizione ebbe luogo nel 2010 nel Museo Agbar de les Aigüen.  Acune sue opere, infine si trovano anche nella collezione Banc de Sabadell, nei Fons d’Art Contemporàni del Consell di Mallorca e nella Collezione Ernesto Ventós.

 

MIRALLES TAGLIABUE EMBT

Miralles Tagliabue EMBT ha la sua sede principale a Barcellona e una succursale a Shanghai.

Miralles Tagliabue EMBT può intendersi come crogiolo di idee  e punto di incontro di tradizione e innovazione poichè ogni progetto elaborato all’interno dello studio implica una storia e allo stesso tempo una nuova opportunità di apprendimento. Osserva, senza dubbio, una messa a fuoco aperta piena di esplorazione e di sperimentazione. Anche se conserva sempre un alto livello di pensiero concettuale. Inoltre, lo studio riflette la convinzione di poter cambiare  l’ecosistema mediante l’osservazione e il rispetto dei luoghi della loro storia e della loro cultura. Il lavoro del EMBT include vari edifici emblematici e spazi pubblici della città di Barcellona: la torre di Gas Natural, il Mercato di Santa Caterina, il Parco di Diagonal Mar. Include anche una serie di progetti di alto profilo in altre città come il Parlamento Europeo di Scozia ad Edimburgo, il Municipio di Utrecht e la Scuola di Musica di Amburgo.

Oggi, sotto la direzione di Benedetta, EMBT lavora non solamente in ambito architettonico ma anche in quello paesaggistico, urbanistico, o ancora nell’ambito del recupero e del disegno , provando a preservare lo spirito della tradizione degli studi di architettura spagnoli e italiani.

Lo studio ha partecipato a numerose esposizioni come la  Biennale di Venezia (2002, 2004 y 2006) e la Biennale di São Paulo (2003). In queste occasioni EMBT offrì l’opportunità non solo di conoscere la propria architettura a anche le sue relazioni con altre discipline inerenti al paesaggio, l’urbanistica e la moda.

EMBT ha vinto molti premi internazionali: RIBA Stirling Premio al Mejor Edificio, Premio Rietveld en 2001, Premio de Honor de la Sociedad Americana de Arquitectos Paisajistas en 2005, Premio Nacional de Catalunya en el año 2001, Premio FAD de Arquitectura en 2004, BDA Hamburgo Architektur Preis en 2002, Premio Ciutat de Barcelona en 2009, y el Premio de la Bienal de Arquitectura Española en 2005.

Attualmente lo studio lavora al progetto del porto di Amburgo e a un museo dedicato ad un pittore cinese a Neijiang, e  ha recentemente vinto il concorso per la realizzazione del novo Campus dell’Università  Fudan dell’ Escuela de Administración en Shanghai.

CAPRICCIO ROMANO

Organizzata da:

Real Academia de Espana en Roma

Miralles Tagliabue EMBT

 

Patrocinata da:

Real Academia de España en Roma

Institut Ramon Llull.

Gran Melia Villa Agrippina. Luxury Urban Resort Roma:    www.granmeliarome.com

HP Hewlett-Packard

Artisti:

Bendetta Tagliabue / Miralles Tagliabue EMBT

Jacint Todò.

Curatore:

EMBT

Coordinamento:

Miralles Tagliabue EMBT: Katrina Varian / Alessandra Pirovano

Real Academia de Espana en Roma: Arturo Escudero / Laura Limón.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 201 follower